iosononessuno
vita di un semplice r̶a̶g̶a̶z̶z̶o uomo come altri….
Menu

La festa dei Krampus! 7 novembre 2018

Se il 24 di questo mese  non avete nulla da fare potete fare un giro a Bronzolo dove ci sarà la sfilata di 500 Krampus di tutto l’ Alto Adige!

Irene andava pazza per i Krampus, ora non lo so più! Ed è così che mi sono permesso oggi di dirglielo! Solo che mi ha scritto che per quella data ha una cena con colleghi… Non pretendevo nulla, nemmeno che mi rispondesse! Però ho sentito questa frase lontana, secca, posticcia e mi ha fatto male!

Ti chiedo scusa Irene, scusa perché anche io ho mentito, ora saprei cosa dirti e ho sbagliato tutto. So che non mi capiterà più un’occasione del genere. E pago giustamente l’errore. Ora cercherò davvero di allontanarmi silenziosamente, toglierò davvero il disturbo. Scusami ancora per tutto. Ti voglio bene e spero sinceramente che tu possa vivere solo giorni felici!

Per chi è libero rimane la sfilata dei Krampus…


Commenti disabilitati su La festa dei Krampus!
Categoria: sottovoce

l’ apocalisse a casa nostra! 5 novembre 2018

Dopo mesi più o meno tranquilli è scesa la pioggia! E non smetteva più! Confesso che in città i disagi sono stati minimi, a parte il solito traffico, che però fa parte della normalità. L’unico indicatore eccezionale era il livello dell’acqua dei fiumi. Continuava a crescere e crescere paurosamente!Diverso il discorso nelle valli, dove i disagi sono stati non pochi (e purtroppo vi sono stati pure morti).

Ora siamo tornati alla normalità. Grazie alle migliaia di  persone che hanno lavorato incessatamente per la nostra incolumità, dai vigili del fuoco volontari, fino alla protezione civile e a chi gestisce le strade. Ma grazie anche peché noi in passato abbiamo sempre fatto i “compiti a casa”. Non ci siamo mai risparmaiti nella prevenzione nel e del territorio. Diventando un esempio concreto a livello mondiale!

Però sabato sono andato al lago di Carezza! Ho parcheggiato l’auto alla fine di Nova Levante e a piedi mi sono incamminato verso il lago, visto che la strada era ancora semi chiusa. E confesso che quello che ho visto mi ha cambiato un po’ la vita. Più salivo la strada e più mi rattristavo a vedere gli alberi abbattuti! La nebbia che nascondeva le cime intorno accentuava il mio stato di sconforto!

Questa volta non è la Natura che si è abbattuta su ciò che è stato creato dall’essere umano ma bensì dalla Natura stessa ! E si è colpito ciò che di più rassicurante esisteva da queste parte: la monatgna e i suoi boschi! E’ come se un grande Krampus sia passato in alcune zone lasciando solo morte e distruzione!

E ogni discussione terrena e umana perde valore, a cominciare dalla toponomastica, la diversa etnia, le corone di spine  und so weiter! Qui è stata colpita la nostra terra da una forza superiore. Qui sono venute meno le nostre poche certezze, perdendo un po’ della nostra innocenza rimasta!

Ci vorranno altri 100 anni perché il bosco ricresca e questo significa che non lo vedrò più com’era prima.  

p.s.: il lago di Carezza, che rappresentava una vera e propria carezza agli occhi dei visitatori, ora sembra morto.

apocalisse
Commenti disabilitati su l’ apocalisse a casa nostra!
Categoria: ilmondogira

lavavetri – Paolo Conte 28 ottobre 2018

 _-

Commenti disabilitati su lavavetri – Paolo Conte
Categoria: songs

perché ho votato SI al referendum…

Vi racconto una storia breve. 
 Il 23 gennaio del corrente anno a Curon Venosta 160 persone, grazie all’operato della protezione civile, assistita dall’esercito (ma anche grazie all’attività compiuta negli anni passati dalla Provincia per quanto riguarda la protezione valanghe), sono state tratte in salvo. Il 18 gennaio di un anno prima, sul Gran Sasso, in una situazione similare, l’hotel Rigopiano è stato spazzato via, portandosi con sé la vita di 29 persone.

Questa in estrema sintesi la differenza tra uno stato che funziona e uno stato “malato”. Questa è la differenza tra cittadini di serie A, che vivono. E cittadini di serie B, che muoiono.

E l’Italia attualmente è quello stato malato dove i cittadini sono di serie B. E questo è un dato di fatto! Ecco perché ho votato Si al referendum, perché volevo che questo stato di cose cambiasse. E vi assicuro che alcuni di quelle proposte non mi piacevano nemmeno. Ma tra il cambiamento e il non cambiare nulla ho scelto il cambiare! Ma il popolo no e oggi ci troviamo a parlare di Genova e di un ponte caduto, di gente travolta in inondazioni, mafia, delinquenza ed altro.

Noi Alto Atesini continuano a rimanere gente di serie A, gli altri invece rimangono di serie B. 

AMEN

Commenti disabilitati su perché ho votato SI al referendum…
Categoria: politikas

Buona Vita – Marco Mengoni 25 ottobre 2018

 _-

Commenti disabilitati su Buona Vita – Marco Mengoni
Categoria: songs sottovoce

Va tutto bene…

La situazione economica italiana è quella che è! Le prospettive non sono delle più rosee. Abbiamo al governo gente poco seria e siamo ogni giorno in campagna elettorale permanente. Ci aspettano giorni difficili, dove alcuni diritti verranno messi alla prova, gli ultimi soffriranno di più ma anche noi saremmo costretti a pagare più soldi. Politicamente io non ho la possibilità di incidere minimamente con le mie idee. Credo di sapere quale sia la soluzione ma nessuno mi ascolta. Al lavoro non vedo prospettive. Per carità, non sto male ma sono sempre gli altri a diventare responsabili. Noi siamo quelli invece che risolvono i problemi. E ve ne sono sempre di altri. Vivo in mezzo a gente a cui non interessa il progresso, migliorare. Qui si vuole solo sopravvivere e fare pause. Mia mamma ha un tumore. Non dovrebbe essere mortale e sta facendo chemio e radio per eliminarlo. In questi giorni è in ospedale perché si è sentita debole. Dicono che sia normale. Non so cosa succederà in seguito. Mio papà è sempre più vecchio e ancora ragiona ma non so fino a quando durerà! Un parente stretto ha una malattia neuro degenerativa. Sta prendendo delle pillole ma non si sa se e quanto può durare. Non mi è chiaro cosa ci riserverà il futuro. Io vivo con due gatti. Vita sociale zero (e oramai ho eliminato pure la vita social in internet). Non ho amici ma solo gente che sta bene con me. Mi alzo, vado al lavoro, poi un po’ di sport e casa. Fisicamente sto bene (almeno io) solo che sono in sovrappeso. I fratelli hanno moglie e  figli io niente! Ho avuto la possibilità di palesare tutto il mio affetto a Irene il mese scorso ma l’ho sprecato malamente. Ora non la sento quasi più e se ci messaggiamo  rilevo molta freddezza. Vivo con il rimorso di non aver mai fatto un ballo insieme a lei. Ed è proprio quello che mi manca ora. Vorrei tanto ballare. E se non è possibile farlo con lei almeno con una compagna di ballo  qualsiasi. Un ballo, un semplice ballo, che mi distragga per qualche minuto dai pensieri di questa vita, dalla mia solitudine, dalla sofferenza di questo mondo malato…

Commenti disabilitati su Va tutto bene…
Categoria: sottovoce

9 primavere – Ermal Meta 21 ottobre 2018

 _-

Commenti disabilitati su 9 primavere – Ermal Meta
Categoria: songs sottovoce

un mondo influenzato..

Oggi mi sentivo più solo che mai e allora ho chiesto al mio collega/amico Markus se voleva andare al SAIT a far volare i rispettivi droni. Il posto è bellissimo, tanto sole e con un prato gigante e vicino un ristorante dove poter mangiare piatti locali. Lui ha accettato e ci siamo “sfogati” a far volare i droni, proprio come due boci (=bambini)!E parlando scopro che lui voterà Freiheitlichen. In pratica la destra tedesca, perché è stufo della SVP. E perché è stufo della SVP? Perché ci sono troppe persone di colore in centro a Bolzano :-/ E qui ho capito che tale sragionamento è causato solo da un’influenza generale! Che appunto non fa più ragionare le persone. Che sono distratte da aspetti minimi e non guardano i veri problemi. E questo succede anche qui, in uno delle posti più ricchi e benestanti del mondo. 

E cosa si può fare per eliminare questa influenza? Qual’è il paracetamolo da usare?

Comunque oggi ho scritto a Irene per chiederle se veniva per le imminenti votazioni. Mi ha detto di no e “anche se avesse voluto” è influenzata. Non saprò mai se è vero. Ci ho letto una certa freddezza in ciò che ha scritto. Spero solo che sia felice…

Commenti disabilitati su un mondo influenzato..

Non c’è nulla di normale… 18 ottobre 2018

Assisto alla situazione politica con un misto tra il divertito e rassegnato (ma anche sconfortato). Non ve n’è uno che si salva. Ma non esiste nemmeno uno straccio di idea ne visione politica definita come tale. Siamo alle battute e agli slogan. Siamo allo sbando! Per fortuna le leggi della fisica e della matematica continuano a esistere e (per ora) rimangono vbalide. Questo significa che prima o poi tutto questo sistema rotto crollerà!

Domenica si vota da queste parti e speravo di rivedere Irene (che ha ancora la residenza qui, sempre che non l’abbia cambiata nel frattempo). Ma probabilmente il suo affetto per qualcun’altro la farà desistere dal venire. Peccato perché c’era bisogno pure del suo voto, in questo marasma di pazzia generale, che contagia pure la nostra autonomia!

In compenso ieri ha postato sulle storei di whatsapp un riccio incontrato dalle sue parti! Chissà se è parente di quelli che incontravo io qui a Bolzano e mi davano una gioia immensa. Lei è chiaramente meglio di me ma la sensibilità è la stessa…

Commenti disabilitati su Non c’è nulla di normale…
Categoria: sottovoce

Mi manchi Irene… 17 ottobre 2018

E’ ufficiale! Sono una persona open source (ma lo sono ancora?) oramai antisocial. Ho disabilitato l’account Facebook, entro di rado su Instagram e utilizzo Twitter come una sorta di sigaretta elettronica post ora smetto di fumare! Pure questo diario personale che una volta sprizzava gioia da tutti i pori oramai è imploso su se stesso e non faccio altro che postare pensieri su di lei. Sempre per astinenza vado spesso su Whatsapp per vedere se lei posta qualche storia. Ma nulla! Prima non c’era giorno che pubblicava qualcosa ora invece niente! E allora intuisco che sia successo qualcosa nella sua vita, abbia trovato un anima affine. E se da una parte mi sento sprofondare dall’altra mi sforzo di essere felice perché più vuoi bene a una persona più capisci che il suo bene sta sopra il tuo. Peccato solo che non vi sia anima viva per poter spiegare tutto questo. Un anima che non giudichi, che non dia una sentenza o frasi sibilline poco chiare. Senza considerare il fatto che un po’ mi sento di buttare questa mia vita, questi miei giorni vuoti.

E dire che ora, alla domanda che mi fece l’ultima volta, ovvero come stavo, ora saprei rispondere. Ora le direi che cerco una compagna per poter ballare insieme. Un ballo che duri almeno una quarantina di anni. E questo ballo lo vorrei fare con lei.

Commenti disabilitati su Mi manchi Irene…
Categoria: sottovoce